Diffidato il sindaco di Roma ad abbatere l’obelisco “Mussolini Dux”

Mussolini Dux

Al Sindaco di Roma

Dott. Ignazio Marino

Via P.E.C. : protocollo.gabinettosindaco@pec.comune.roma.it

 

DIFFIDA EX ART. 328 C.P.

Con molta amarezza ho notato che l’Italia è un paese filofascista o comunque molto tollerante nei confronti del fascismo visto che a Roma davanti al C.O.N.I esiste ancora un obelisco recante la dicitura, a caratteri cubitali : “ MUSSOLINI DUX”; inneggiante al ignobile e vigliacco criminale di guerra Benito Mussolini. Tale sinistro personaggio ha commesso crimini di guerra ordinando al esercito fascista comandato dal generale Graziani di gassare con iprite gli Etiopi e ha permesso, collaborando con i nazisti di Adolf Hitler, la deportazione ed uccisione di migliaia di ebrei, zingari, omosessuali, patrioti e comunisti nei campi di sterminio nazisti e fascisti ( risiera di San Saba, campo di transito di Bolzano).

Tale obelisco costituisce apologia al fascismo e offende la memoria dei partigiani e dei patrioti che persero la vita per la liberazione dell’Italia, e dei soldati, tra i quelli i miei compatriotti Greci che combatterono buttando le truppe fasciste al mare ma anche la memoria di tutti gli ebrei che morirono nei campi di sterminio.

Mussolini fa parte si della storia ma della pattumiera della storia e non fu un grande uomo ma solo un codardo vigliacco capace di gassare la popolazione Etiopica ma perdere le battaglie con gli eserciti regolari in Grecia, in Unione Sovietica ed in Tunisia all’ El Allamein mandando allo sbaraglio a morire migliaia di soldati Italiani per la sua megalomania e le sue mire imperialiste.

L’obelisco è un simbolo di ispirazione per molti emuli del Mussolini che purtroppo si annidano nei servizi segreti nel esercito e nelle forze del ordine:

I paracaduti della Folgore che intonano cori : “Bombe a mano e carezze con pugnal” e poi “ Con la bandiera rossa noi ci puliamo il culo…”.

Il carabiniere Mario Placanica che dopo aver sparato e ucciso Carlo Giuliani passa sopra il suo cadavere con la camionetta tipo Defender con evidente disprezzo per la vita.

Il carabiniere che pochi giorni fa spara a Davide Bifolco di 17 anni, seduto a terra e poi lo ammanetta morto.

I rapitori e violentatori di Franca Rame, il generale Carlo Albero dalla Chiesa che spara e uccide simpatizzanti delle brigate rosse al covo di via Fracchia a Genova cogliendoli nel sonno, Canterini condannato per i fatti del G7 di Genova, l’agente Luigi Spaccarottella che uccide il tifoso della Lazio Gabriele Sandri sparando senza motivo ad altezza d’uomo, omicidio Aldovrandi, omicidio Cucchi, omicidio di Giorgiana Masi, defenestramento di Giuseppe Pinelli dalla finestra della Questura di Milano e tanti altri casi.

Con monumenti tipo l’obelisco del Foro Italico si alimenta il mito di

“ Mussolini grande uomo” e di disvalori e subculture tipo “ Lo stato e l’ordine prima di tutto” il rispetto alle “autorità” ….. e si incoraggiano a sparare bulli di periferia dal grilletto facile di ogni spezie.

Mussolini gassava i poveri etiopi, i carabinieri ed i poliziotti sparano ai più deboli,epoche diverse ma la fonte di ispirazione per tali azioni vigliacche e codarde é la medesima : Il “grande uomo” rectius il criminale di guerra Benito Mussolini.

Tanto permesso

VI DIFFIDO

di rimuovere entro trenta giorni da oggi l’obelisco di cui in narrativa avvertendovi che in caso contrario adirò la Procura di Roma per omissioni di atti d’ufficio e gli adempimenti del caso.

Per ogni effetto di legge e per legale scienza

Ischia 10 Settembre 2014

avv. Antonios Antoniadis